MyEtnaMap

Ponte dei Saraceni

Ponte dei Saraceni

Ponte dei Saraceni

Il ponte di Carcaci, chiamato anche Ponte dei Saraceni, è un ponte in pietra risalente al periodo romano. Ricostruito e modificato nel XII secolo sul fiume Simeto, collega il territorio di Adrano con quello di Centuripe.  Dal 2000 fa parte del SIC –  Sito di Interesse Comunitario denominato Forre laviche del Simeto

Dell’antica struttura oggi se ne conserva solo l’arcata maggiore, centrale, ad arco acuto. Le altre arcate, una più piccola a sesto acuto e un’altra a tutto sesto di probabile origine romana, andarono distrutte durante l’alluvione del 1948, e ricostruite in seguito, seppur diverse dalle originali.

Forre laviche del Simeto

Situate in territorio di Adrano, queste affascinanti formazioni sono state modellate dalle acque del Fiume Simeto. Notevole lo scorcio non appena si giunge al sito, con il Ponte dei Saraceni a dominare la vallata e la vista sul vulcano che da questa prospettiva assomiglia sempre più ad un gigante. La risalita lungo entrambe le sponde del fiume, offre sempre uno scenario diverso.

Located in the territory of Adrano, these fascinating formations have been shaped by the waters of the Simeto river. Significant foreshortening as soon as you reach the site, with the Saracen Bridge to dominate the valley and the view of the volcano from this perspective. The climb along both sides of the river offering always a different scenario.

DISTANCE:

1,5 Km

ALTITUDE:

+/- 60 m

ICONOGRAPHY:
 

 

 


Related Articles

Monte Nuovo

Monte Nuovo Altitudine: 1670 m.s.l.m L’anno di formazione risale all’eruzione che si verifico da febbraio a marzo del 1763. Situato

Castagno dei Cento Cavalli

Considerato il più famoso e longevo di Italia è un bellissimo castagno. La storia del Castagno dei Cento Cavalli si

Grotta di Serracozzo

La Grotta di Serracozzo si è formata nel 1971  ed è facilmente visitabile; la particolare sezione e l’apertura sulla volta

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment

Your e-mail address will not be published.
Required fields are marked*