Breaking News

  • Belpasso


    Le origini del paese sono certamente antiche come testimoniato dalla presenza di aree di frequentazione in età preistorica – neolitica e della prima metà dell’era del bronzo, di resti di acquedotti e ponti di epoca romana (Valcorrente – Sciarone Castello, Masseria Pezzagrande) e medievale con resti di colonnati in pietra lavica di un castello e di un piccolo arco acuto della Chiesa S. Maria La Scala

    ...

  • Giarre


    La nascita di Giarre ha nel vescovo conte Nicola Maria Caracciolo il suo protagonista, che si trovò dinnanzi ad un grosso problema per le terre della contea. Boschi, paludi, incursioni saracene non facevano altro che aggravare la situazione economica di questi 8 mila ettari di territorio.

    ...

  • Mascali


    L’odierno comune sorge in prossimità del mare dopo la distruzione,nell’anno 1928, di quella antica, sepolta dalla lava dell’Etna e di cui rimane solo una traccia nell’allora periferico quartiere cittadino di Sant’Antonino, oggi frazione.

    ...

  • Milo


    Di tutti i paesi del versante ionico Milo è quello che gode la vista più ampia sul mare, a 750 metri. Dalla piazza Belvedere l’occhio spazia sull’orizzonte fino a Taormina e alla Calabria verso nord-est, al golfo di Catania e ad Augusta verso sud-ovest.

    ...

  • Nicolosi


    Nicolosi sorge a fianco de’ Monti Rossi, a 691 mt. sopra il livello del mare. Autentica “Porta dell’Etna”, Nicolosi ha accolto, dal 1700 in poi, tutta l’élite europea di scrittori, scienziati, pittori ed uomini di cultura in genere, principalmente tedeschi, francesi ed inglesi

    ...

  • Pedara


    Adagiata sulle colline meridionali dell’Etna, questo comune offre a tutti la bellezza dei suoi paesaggi e la salubrità del suo clima. La trasformazione sociale e demografica del territorio si è rivelata, nei secoli, attorno agli antichi crateri di monte Difeso e monte Troina, testimoni della continua evoluzione di questo centro. Non si possiedono notizie certe sulle sue origini

    ...

Pedara

Pedara

COMUNE DI PEDARA

Adagiata sulle colline meridionali dell’Etna, questo comune offre a tutti la bellezza dei suoi paesaggi e la salubrità del suo clima. La trasformazione sociale e demografica del territorio si è rivelata, nei secoli, attorno agli antichi crateri di monte Difeso e monte Troina, testimoni della continua evoluzione di questo centro.

Non si possiedono notizie certe sulle sue origini perché le numerose colate laviche ne hanno quasi del tutto cancellato le tracce. Si sa, però, che anticamente l’abitato era situato più a nord dell’attuale e il ritrovamento casuale di alcuni reperti testimonierebbe l’origine greca del luogo. Sotto i Normanni Pedara faceva parte delle vigne di Catania e, già in quel periodo, il primitivo insediamento rurale cominciava a formare un villaggio di agricoltori a settentrione dell’odierno paese.

L’11 gennaio 1693, il più violento terremoto che la storia locale ricordi, in pochi secondi, distrusse anche Pedara. Ed ecco allora comparire un grande personaggio, da tempo l’uomo di fiducia dei Di Giovanni: don Diego Pappalardo, sacerdote pedarese e cavaliere dell’Ordine Gerosolimitano di Malta. Spirito geniale ed organizzativo e dalla vitalità travolgente come pochissimi in quel tempo, don Diego ricostruì in meno di vent’anni e per ben due volte la Chiesa Madre di S. Caterina – oggi Basilica pontificia – ed incoraggiò gli abitanti per una rapida riedificazione del paese. Carestie e miseria segnarono l’ultima parte del Settecento che vide l’affermarsi della borghesia terriera. L’abolizione della giurisdizione feudale siciliana del 1812 e la successiva riforma amministrativa borbonica significarono per Pedara l’inizio di una nuova trasformazione.
(fonte: Sito ufficiale)

 

Pedara

NUMERI UTILI

Info Point +39 095 702 8118
Carabinieri +39 095 780 0235
Guardia medica +39 095 702 7004
Corpo Forestale +39 095 911 360

 


Tags assigned to this article:
comune sudcomunemunicipalityvulcanoetnavolcano

Related Articles

Maletto


Una leggenda popolare locale narra che in epoca antica, sulla Rocca del Castello dimorava una principessa di nome Maletta o Marietta, la quale comandava una banda di feroci briganti che compivano scorrerie nelle zone vicine e poi si rifugiavano sul Castello, portandovi il bottino, sicuri di non essere perseguiti data l’asperità e l’inaccessibilità del luogo. Attorno alla rocca, i briganti costruirono il paese

Ragalna


La ricostruzione storica di questo comune può partire da epoca normanna, perché solo da quest’epoca si hanno documenti, nei quali si riporta una antica denominazione di

Giarre


La nascita di Giarre ha nel vescovo conte Nicola Maria Caracciolo il suo protagonista, che si trovò dinnanzi ad un grosso problema per le terre della contea. Boschi, paludi, incursioni saracene non facevano altro che aggravare la situazione economica di questi 8 mila ettari di territorio.