MyEtnaMap

Breaking News

  • Querce di Monte Egitto

    Nel settore occidentale del Parco dell’Etna, si trova uno dei tesori più preziosi dell’intera flora siciliana: le querce centenarie di Monte Egitto.

    ...

  • Cava Asero

    La “Cava Asero” è un’antica cava di estrazione di pietra lavica in disuso. Situata a nord

    ...

  • Salinelle del Fiume

    Le Salinelle del Fiume sono situate sulla sponda del fiume Simeto, distanti qualche chilometro dal centro

    ...

  • Salinelle di San Biagio

    In contrada Vallone Salato, in una zona comprendente una superficie con depositi alluvionali terrazzati di origine

    ...

  • Salinelle dello Stadio

    Le Salinelle dello Stadio, chiamate anche “Salinelle dei Cappuccini” sono situate nella periferia nordoccidentale della città

    ...

  • Torrente Quarantore

    In concomitanza con l’arrivo della primavera e con il disgelo delle nevi, si assiste al sorprendente

    ...

Monte Nero

Monte Nero

Monte Nero

Altitudine Monte Nero: 2048 m.s.l.m   –   Anno di formazione: 1646.

Il cono si è formato a seguito dell’eruzione del 1646/47 le cui colate laviche arrivarono fino a Randazzo e Linguaglossa.  Durante l’eruzione da novembre 1646 a gennaio 1647 furono emessi 190 milioni di metri cubi di lava.

L’origine del nome deriva dal colore nero delle scorie vulcaniche, reso ancora più visibile dall’assenza di vegetazione alle sue pendici.

Alla base del cono è visibile la frattura eruttiva del 1923, caratterizzata da diversi pozzi come l’abisso di monte nero.

Raggiungibile dalla stazione turistica di Piano Provenzana, è localizzato nell’area del “Rift di Nord-Est”, una delle zone più fratturate del vulcano. Lungo la fascia del “Rift di Nord-Est” è possibile trovare diverse fratture eruttive e numerosi coni avventizi come Monte Pizzillo, Monte Nero, Monte Frumento, Monte Cacciatore, Monte Timpa Rossa,  i crateri Umberto e Margherita e molti altri.

Sentiero consigliato.

 


Tags assigned to this article:
Monte Neroconicraterisentieroetna

Related Articles

Grotta di Serracozzo

La Grotta di Serracozzo si è formata nel 1971  ed è facilmente visitabile; la particolare sezione e l’apertura sulla volta

Rifugio Santa Maria

Il Rifugio Santa Maria si erge su un piccolo promontorio lungo la Pista Altomontana.  

Salinelle di San Biagio

In contrada Vallone Salato, in una zona comprendente una superficie con depositi alluvionali terrazzati di origine continentale e marina, con

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment

Your e-mail address will not be published.
Required fields are marked*