Le Gole dell’Alcantara: natura da…brividi!

Le Gole dell’Alcantara: natura da…brividi!

Michela Costa – Per rinfrescarsi dal caldo afoso di queste torride giornate estive siciliane non c’è niente di meglio che un tuffo tra le acque gelide del Fiume Alcantara. Luglio e Agosto, infatti, sono i mesi ideali per visitare il Parco Naturale Botanico e Geologico delle Gole dell’Alcantara, meta famosa in tutto il mondo per l’unicità del suo paesaggio intimamente legato alla storia dell’Etna.

Le sue acque,incredibilmente fredde, mettono a dura prova anche i bagnanti più coraggiosi. Perché non approfittare, quindi, della calura estiva per cercare refrigerio in questo meraviglioso angolo di paradiso? Qui, tra splendide formazioni basaltiche, strette pareti laviche, bellissime cascate e una rigogliosa natura incontaminata si può trascorrere un’intera giornata in assoluto relax tra un pic-nic e una passeggiata. Gli amanti degli sport estremi potranno cimentarsi in percorsi di canyoning, river climbing e body rafting in compagnia delle guide di Etna Discovery, dei veri esperti dell’avventura –  www.etnadiscovery.it.

La visita alle Gole dell’Alcantara è consigliabile tra maggio e settembre, quando l’acqua è più bassa e il percorso meno impegnativo. All’ingresso sono forniti stivali alti che permettono di non bagnarsi ma in ogni caso in diversi punti del percorso il livello dell’acqua raggiunge la vita e si devono attraversare interi pezzi del tragitto a nuoto.

Per informazioni: www.parcoalcantara.it.

 


Tags assigned to this article:
news

Related Articles

A Nivarata 2017 – VI Edizione

Acireale celebra la granita artigianale: un rito tutto siciliano dalle origini antichissime.

Primavera sull’Etna

Ci sono dei luoghi che senza dubbio si possono dire i più incantevoli della Terra, e se l’Etna di dentro somiglia all’inferno, si può dire a ragione che di fuori somiglia al paradiso

Etna 19/04/2017

Durante un sopralluogo a quota 2600 in zona Valle del Bove e in seguito presso la Montagnola, si è potuto osservare la ripresa dell’attività eruttiva a partire dal pit-crater posto sul fianco meridionale del Cratere di Sud-Est che ha alimentato una colata il cui flusso principale si è propagato in direzione della Valle del Bove.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment

Your e-mail address will not be published.
Required fields are marked*