Le Gole dell’Alcantara: natura da…brividi!

Le Gole dell’Alcantara: natura da…brividi!

Michela Costa – Per rinfrescarsi dal caldo afoso di queste torride giornate estive siciliane non c’è niente di meglio che un tuffo tra le acque gelide del Fiume Alcantara. Luglio e Agosto, infatti, sono i mesi ideali per visitare il Parco Naturale Botanico e Geologico delle Gole dell’Alcantara, meta famosa in tutto il mondo per l’unicità del suo paesaggio intimamente legato alla storia dell’Etna.

Le sue acque,incredibilmente fredde, mettono a dura prova anche i bagnanti più coraggiosi. Perché non approfittare, quindi, della calura estiva per cercare refrigerio in questo meraviglioso angolo di paradiso? Qui, tra splendide formazioni basaltiche, strette pareti laviche, bellissime cascate e una rigogliosa natura incontaminata si può trascorrere un’intera giornata in assoluto relax tra un pic-nic e una passeggiata. Gli amanti degli sport estremi potranno cimentarsi in percorsi di canyoning, river climbing e body rafting in compagnia delle guide di Etna Discovery, dei veri esperti dell’avventura –  www.etnadiscovery.it.

La visita alle Gole dell’Alcantara è consigliabile tra maggio e settembre, quando l’acqua è più bassa e il percorso meno impegnativo. All’ingresso sono forniti stivali alti che permettono di non bagnarsi ma in ogni caso in diversi punti del percorso il livello dell’acqua raggiunge la vita e si devono attraversare interi pezzi del tragitto a nuoto.

Per informazioni: www.parcoalcantara.it.

 


Tags assigned to this article:
news

Related Articles

100° Giro d’Italia

Un traguardo a quota 1900 metri per il Centenario Rosa. Due le tappe siciliane scelte per la centesima edizione del Giro d’Italia

Le spettacolari querce di Monte Egitto

Nel settore occidentale del Parco dell’Etna, nel territorio di Bronte, si trova uno dei tesori più preziosi dell’intera flora siciliana: le querce centenarie di Monte Egitto.

Primavera sull’Etna

Ci sono dei luoghi che senza dubbio si possono dire i più incantevoli della Terra, e se l’Etna di dentro somiglia all’inferno, si può dire a ragione che di fuori somiglia al paradiso

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment

Your e-mail address will not be published.
Required fields are marked*